Val Gardena - Gröden

Pista Saslong – Val Gardena a tutta velocità


Nel cuore della Val Gardena la pista Saslong saprà emozionarvi con i suoi muri veloci. Il punto più famoso e spettacolare della Saslong: le "Gobbe di Cammello"....

Punteggio : 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (voti 4, media punteggio 5,00 su 5) ... Aggiungi il tuo voto !

Loading...

La pista Saslong parte da 2254 metri e scende verso valle fino a Santa Cristina, nel cuore della Val Gardena.

Tutti gli anni, è un appuntamento di Coppa del Modo di discesa libera. Scelta dal circo bianco per la pendenza ed i numerosi salti. La discesa è ricca di muri emozionanti ed impegnativi che permettono allo sciatore di prendere velocità.

I punti salienti della pista sono il salto dello Spinel,con il 50% della pendenza. Il punto più ripido della Saslong (56,9%), il Saut dl Moro ed il salto del Looping, quest’ultimo ridimensionato rispetto al passato a causa delle numerose cadute durante le gare di sci alpino; a seguire, segue un tratto di scorrimento di circa 500 metri ed il salto del Sochers.

saslong_5_neveclub

Subito dopo il salto una combinazione di curvoni sinistra-destra-sinistra porta ai Muri di Sochers (55,95%), in questo tratto durante le gare di discesa libera in Coppa del mondo, gli atleti raggiungono la velocità di 130 km/h.

Il punto più famoso e spettacolare della Saslong: le “Gobbe di Cammello” (Kamelbuckel), sono formate da una serie di tre dossi in cui si può arrivare a saltare anche 60 metri. Si incontra dopo la fondamentale “Curva del Lago”, all’entrata dei “Prati di Ciaslat” (Ciaslat-Wiese), costituiti da quattro curve molto impegnative con diversi cambi di pendenza.

Prima della conclusione  il salto Nucia  costituito dal “salto del Tunnel” e dallo schuss finale.

Data la difficoltà è consigliabile percorrerla di mattina presto, per evitare le gobbe e gli accumuli di neve causati dalla massa di sciatori durante la giornata; data la pendenza infatti sono molti gli sciatori che la affrontano con frenate continue.





di Team di Neveclub.it 24 novembre 2014