Sci Alpino

Paris: “Per vincere devi essere più forte della pista”. Innerhofer: “Per me è andata meglio”. Marsaglia: “Me la sono goduta”


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Non ci sono Voti)
Loading...

Le dichiarazioni degli azzurri dopo la seconda prova di discesa a Kitzbühel.

Christof Innerhofer: “Oggi ho avuto sensazioni migliori, sono contento di essere riuscito a pensare di più alla sciata e non solo a sopravvivere. Qui le condizioni cambieranno tutti i giorni, non vedremo molto sole, nevicherà e ci sarà la nebbia. Ma se non succede nulla di super strano, i favoriti sono sempre gli stessi: Paris, Mayer, Feuz, Kilde, Reichelt, Kriechmayr. Innerhofer? Io penso solo a sciare bene”.

Dominik Paris: “Anche con sensazioni non bellissime come il primo giorno, sono andato abbastanza veloce e questo dà fiducia. Il segreto per vincere sulla Streif? Devi essere più forte della pista. Dipende dalla giornata, se è quella giusta, qui vai ancora più al limite del solito, l’importante è arrivare senza errori. È importante avere rispetto della pista, perché se sbagli la linea finisci nelle reti. Ma è importante anche avere la fiducia di andare al limite”.

PREZZI E OFFERTE SPORT INVERNALI

MATERIALI, ACCESSORI ED ABBIGLIAMENTO

NEGOZIO

SCIALPINISMO AMAZON.it
SCI ALPINO AMAZON.it
FONDO AMAZON.it
FREERIDE / SNOWBOARD AMAZON.it
ACTION CAM AMAZON.it
ARTVA Sicurezza fuori pista AMAZON.it
GOMME DA NEVE E CATENE AMAZON.it

Matteo Marsaglia: “La pista mi piace da sempre, nella prima prova forse avevo un set-up sbagliato arrivando da Wengen, dove c’erano condizioni decisamente diverso. Mi ero spaventato, perchè non ero riuscito a stare tanto in piedi e non avevo avuto un grande grip, anche se in alcuni tratti avevo sciato abbastanza bene. Oggi da subito, dalle prime due curve, ho sentito quel feeling che mi piace. Mi sono proprio divertito, ho avuto un po’ di fortuna perché noi con i pettorali più alti avevamo migliore visibilità rispetto ai primi. Me la sono proprio goduta, è venuta fuori una bella prova, adesso bisogna ripetersi in gara. Fisicamente sto bene, non lo dico troppo forte perché non porta fortuna. Qui è così dura che partire con l’1 o con il 51 non cambia nulla, la pista si rovina appena appena. La speranza è che il giorno della gara sia coperto, così è uguale per tutti, perché altrimenti con il 51 diventa dura, con gli intervalli lunghi diventa buio. Io mi sto ricostruendo piano piano, sicuramente devo aumentare la zampata, sono sempre più vicino ai trenta, ho racimolato qualche punticino. Mi aspetto due belle gare solide, mi farebbero comodi un paio di piazzamenti nei primi venti”.

Werner Heel: “Bellissima soddisfazione. Nelle ultime settimane non avevo tanto feeling, qui ho cambiato il set-up e ho avuto subito fiducia e sono fiducioso per la gara di sabato. La pista tiene fino all’ultimo, la visibilità è migliorata per chi partiva con pettorali più alti, ma noi stiamo sciando sempre bene, soprattutto sulle piste più difficili siamo sempre competitivi. Ci vuole solo un po’ di fiducia e un po’ di calma. Mi aspetto di essere tra i primi trenta, se posso fare anche meglio ben venga. Darò il massimo, non vedo l’ora che arrivi sabato”.

Source:: https://www.fisi.org/sci-alpino/news/18232-dichiarazioni-kitzbuhel-paris-innerhofer-marsaglia-heel





di Alessandra D'Auria