Sci di Fondo

Pellegrino, il bello della prima volta: “Che emozione correre a Cogne davanti ai miei tifosi, mi auguro un gran risultato”


1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Non ci sono Voti)
Loading...

Sarà una bellissima prima volta per Federico Pellegrino, che in carriera ha già vinto tanto, ma mai ha corso una gara di Coppa del mondo sulla pista di casa. Sabato 16 febbraio, allora, vivrà l’emozione di sciare davanti ai propri tifosi che in massa stanno accorrendo a Cogne per veder salire sul podio il proprio campione.

“Direi che è la settimana più importante dell’anno – ha detto l’azzurro alla vigilia della sprint di sabato 16 febbraio -. Ormai ci siamo. Le sensazioni sono molto buone, arrivare qui con il podio conquistato la scorsa settimana sicuramente mi dà molta fiducia sia per questa gara che per i Mondiali. Sembrerebbe che tanti tifosi abbiamo organizzato la trasferta fino a Cogne e ne ho bisogno perché prendere tanta energia da loro mi servirà sicuramente anche per i Mondiali”.

“Correre in Val d’Aosta una gara di Coppa del mondo è qualcosa di strano perché non l’ho mai fatto. È un’emozione nuova, non dico che ho faticato a dormire, ma ho sognato tanto questa gara, non solo dal punto di vista tecnico, ma anche cose di contorno. È davvero una bella sensazione, mi auguro di godermi questa gara e riuscire a regalare ai tifosi un gran risultato”

PREZZI E OFFERTE SPORT INVERNALI

MATERIALI, ACCESSORI ED ABBIGLIAMENTO

NEGOZIO

SCIALPINISMO AMAZON.it
SCI ALPINO AMAZON.it
FONDO AMAZON.it
FREERIDE / SNOWBOARD AMAZON.it
ACTION CAM AMAZON.it
ARTVA Sicurezza fuori pista AMAZON.it
GOMME DA NEVE E CATENE AMAZON.it

“La pista della sprint è bella dura, perché è lunga un chilometro e settecento metri, a 1600 metri di quota. Potrebbe essere una gara di resistenza, ma c’è un rettilineo finale corto, quindi servirà un grandissimo spunto soprattutto negli ultimi quattrocento metri, dove c’è una piccola salitella che porta all’ingresso del rettilineo conclusivo”.

“La gara sarà dura: ci sono i russi Ustiugov e Bolshinov e se loro la mettono sul ‘duro’ a me non dispiace affatto. Se poi non dovesse essere così, ci sono i norvegesi o i soliti trancesi che potranno essere gli avversari più agguerriti. Le mie condizioni? Dopo un mese sono tornato a casa 3-4 giorni e mi è stato utile per riposare tanto e continuare come da programma verso questi appuntamenti. Se sabato scorso in teoria non dovevo aspettarmi nulla, ora non mi illudo: so che c’è ancora qualcosa da fare in vista dei Mondiali e questo qualcosa da fare è passare da questa gara”.

Source:: https://www.fisi.org/sci-di-fondo/news/18596-pellegrino-il-bello-della-prima-volta-che-emozione-correre-a-cogne-davanti-ai-miei-tifosi-mi-auguro-un-gran-risultato





di Alessandra D'Auria