News Via Lattea Ski area

Polizia Municipale in pista per il controllo della Via Lattea


Agenti di Polizia Municipale sulle piste da sci, i vigili scendono in pista nella via Lattea.

Punteggio : 1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (voti 3, media punteggio 5,00 su 5) ... Aggiungi il tuo voto !

Loading...

Fino al termine della stagione, ci saranno anche sei agenti di polizia locale a vigilare nei fine settimana e nei festivi sulla sicurezza degli utenti delle piste da sci del comprensorio della Vialattea. Si tratta di un progetto sperimentale che costituisce il punto principale della lettera di intenti siglata il 13 febbraio a Torino tra l’assessore alla Polizia locale della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, le amministrazioni dell’Unione Montana dei Comuni Olimpici-Via Lattea, di cui fanno parte Cesana Torinese, Claviere, Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx e Sestriere, il Comune di Bardonecchia e gli operatori del settore.

Firmatari della lettera di intenti sono stati l’assessore alla Polizia locale della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, il Presidente dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea nonché Sindaco di Sestriere, Valter Marin, l’Assessore del Comune di Bardonecchia, Guido Grisa, il Sindaco di Claviere Franco Capra (che ha firmato anche in qualità di Presidente del Collegio Regionale dei Maestri di Sci del Piemonte), l’assessore del Comune di Pragelato, Angelo Acciarito, il Sindaco di Sauze di Cesana, Maurizio Beria d’Argentina, l’Assessore del Comune di Sauze d’Oulx, Giorgio Carlo Giordana, l’Amministratore Delegato della Colomion, Nicola Bosticco, e il Presidente della Sestrieres Spa, Giovanni Brasso.

A questa iniziativa seguiranno la creazione di nuovi corsi di formazione del personale da parte della Regione, l’incremento della comunicazione sulla sicurezza sulle piste da parte dei gestori degli impianti, l’impegno dei maestri di sci per intensificare la propria funzione educativa ed a fornire le segnalazioni alla polizia locale.

“La Regione Piemonte, nello svolgere la propria specifica funzione di coordinamento ha reso concreto un progetto importante ed atteso – ha dichiarato Ferraris – Il personale di polizia locale dei Comuni interessati, anche integrato con personale di altri paesi disponibili alla collaborazione, sarà presente sulle piste per fornire il necessario supporto nelle attività di prevenzione dei comportamenti pericolosi e di vigilanza. Questa prima fase sperimentale è possibile anche grazie alla sollecita partecipazione dei gestori degli impianti. Troppi e gravi sono gli incidenti che avvengono sulle nostre piste e che rischiano di trasformare le ore di svago e di sport in situazioni pericolose, che potrebbero essere evitate nella maggior parte dei casi. Questo progetto non è che l’inizio di una gestione integrata e complessiva, che mi auguro con il tempo coinvolga più realtà possibili, affinché la sicurezza sulle piste da sci nei cittadini sia percepita come una realtà”.

_DSC0005_neveclub

La decisione di affiancare, alle Forze già presenti sulle piste da sci, Agenti di Polizia Locale per controllare l’importante flusso di sciatori nelle stazioni turistiche di montagna ha trovato pieno appoggio da parte di Valter Marin, Presidente Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea di cui fanno parte i Comuni di Cesana Torinese, Claviere, Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx e Sestriere. Unione già operativa in tutte le funzioni associate dal mese di luglio 2014.

“L’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea – ha dichiarato Marin –  ha accolto con grande favore quest’iniziativa promossa dalla Regione Piemonte, nella persona dell’Assessore allo Sport e alla Polizia Locale Giovanni Maria Ferraris, in collaborazione con la Città di Torino. Avere agenti di Polizia Locale dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea, qualificati con specifici corsi sugli sci, abilitati ai controlli sulle piste da sci significa dare maggiore sicurezza e supporto ai fruitori delle aree sciabili. Una soluzione che serve a scoraggiare comportamenti scorretti e pericolosi  sugli sci ed allo stesso tempo per sensibilizzare e verificare la corretta applicazione delle norme in tema di sicurezza sugli sci come ad esempio l’utilizzo del casco obbligatorio per i giovani. Il tutto finalizzato ad un’azione preventiva in materia di sicurezza sulle piste”.





di Team di Neveclub.it 16 febbraio 2015